Alberico, Matteo e gli altri.

In un territorio con grande vocazione storica come il Montefeltro, è impossibile non trovare anche elementi religiosi di spicco, magari accompagnati da altri che sembrerebbero minori, ma che non lo sono, o per lo meno, non per la popolazione locale. Quelli di maggiore richiamo, come punti di interesse religioso, culturale e turistico sono legati principalmente a Francesco, Leone, Marino, ormai capisaldi del territorio, ma, ultimamente sempre più, stanno guadagnando il palcoscenico, anche Vicinio, Alberico e Matteo.

Ma vi chiederete, giustamente, chi sono costoro ? Perché dovrebbero essere famosi o quantomeno interessanti ? Vero, allora vi parlerò di loro, rendendoli così degni di curiosità. Francesco non è altro che il Santo patrono d’Italia, mentre Leone e Marino, erano due scalpellini dalmati, che nel 301, dopo essere arrivati a Rimini per lavoro, per sfuggire alle repressioni dei cristiani da parte dell’Imperatore Diocleziano, trovarono rifugio sulle montagne impervie dell’entroterra, andando così poi a formare gli agglomerati di San Leo (Rn) e di San Marino (Rsm), il primo, sul Monte Feliciano, costrui il Borgo che diede poi il nome a tutto il territorio e alla Famiglia che ne portò avanti il nome (da Monte Feliciano a Mons Feretris a Montefeltro), il secondo creando quella comunità che, dal VIII Secolo in poi, fù indipendente, tanto da creare poi una delle Repubbliche, quella del Titano appunto, tra le più piccole e affascinanti d’Europa.

Attorno a Francesco d’Assisi, tanti sono i luoghi che presero forza dal suo passaggio, basti pensare al percorso trekking “Rimini -La Verna”, che tocca appunto tutti questi luoghi, a partire dal Tempio Malatestiano di Rimini, sorto sulla chiesa francescana della città, Villa Verucchio (Rn), dove sorge il Cipresso millenario che nacque per mano del Santo, San Leo dove Francesco ricevette presso il Convento di S.Igne in dono il monte de La Verna (Ar), dal Conte Caetani, e ancora Sant’Agata Feltria (Rn) dove il Santo dimorò più volte, durante i suoi numerosi spostamenti tra Umbria e Romagna.

I loro amici “minori” ma solo perchè non conosciuti da un pubblico vasto, sono poi Matteo da Bascio, frate proveniente dalla località di Castello di Bascio (Rn), oggi Comune di Pennabilli, ieri Contea dei Conti di Carpegna, fondatore dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini, nati per restaurare lo spirito originale del francescanesimo, nel 1525, a suo dire un pò diminuito in quel periodo, Sant’Alberico, al quale nei boschi fitti di faggi, sul Monte Fumaiolo (Fc) si costruì un Eremo, che attrae tutti gli anni migliaia di persone, grazie al suo essere così isolato e mistico, e il Vescovo Vicinio, oggi Santo, che come per il poverello di Assisi, gli è stato dedicato un cammino, che percorre i sentieri calpestati dal Santo di Sarsina (Fc), per le sue predicazioni nel territorio toscano romagnolo, anche se, ai più, è forse conosciuto come il santo che toglie le possessioni demoniache attraverso un “collare” miracoloso.

Sempre tra le figure da non dimenticare c’è indubbiamente Francesco Orazio della Penna, un missionario francescano che giunto nel lontano Nepal, alla fine del 1600, per catechizzare quel territorio, scrisse il primo dizionario italiano-tibentano, ma soprattutto soprannominato il “Lama dalla testa bianca“e rispettato per il suo apprendimento e conoscenza della cultura e della lingua tibetane, si fece testimone di qel mondo lontano. A Pennabilli (Rn) in sua memoria e in memoria di tutta la sua attività missionaria, è stata eretta la Campana di Lhasa, sulla cima del “Roccione” e un bellissimo, quanto ascetico Chorten.

Dunque, se sarete curiosi e vorrete venire a scoprire queste vite e ciò che hanno significato per il territorio del Montefeltro, non dovrete fare altro che andare su questa PAGINA e mettervi in contatto con me, per venire a toccare con mano storie che sapranno emozionarvi e colpirvi con la loro meraviglia, tra sacro e quotidiano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...