Con la gioia di vivere: il ricordo di Maria e Candido Gabrielli

SABATO 20 AGOSTO 2022 – Fragheto di Casteldelci (Rn)

Un pomeriggio di fine Agosto. Un borgo semi nascosto fra i boschi e i calanchi appenninici dell’Alta Valmarecchia. Si fa’ festa, ma non quelle classiche, grigliata e buon vino, no, qui si rende omaggio ad una coppia del borgo, che ci ha lasciati da qualche anno, con ricordi, testimonianze e aneddoti curiosi e qualche lacrima, perché la coppia che viene celebrata è una coppia di genitori, nonni, bisnonni, ma anche una coppia simbolo per il borgo, e per la sua storia. Siamo a Fragheto, frazione di Casteldelci (Rn), e la coppia è quella formata da Maria e Candido Gabrielli, una coppia che possiamo erigere a simbolo del Novecento, con le sue guerre Mondiali, con il suo difficile dopoguerra, con l’abbandono delle campagne. Loro sono sono soprattutto però, il simbolo del fatto che, dopo il dolore indicibile di una strage, come quella che colpì Fragheto, e i suoi abitanti, il 7 Aprile del 1944, si possa poi rialzarsi, mettere il dolore nelle pieghe più profonde e nascoste del cuore, e andare avanti, con mille difficoltà, ma andare avanti. 

Candido e la Maria, si sono rialzati, e hanno ricostruito le loro vite, il loro futuro, con i loro sette figli, Anna, Margherita, Marianna, Patrizia, Giuliana, Marino e Gianni, con le loro testimonianze, sempre vive, sempre commoventi, ma soprattutto con la loro gentilezza, la loro semplicità, i loro sorrisi, il loro senso dell’ospitalità, e con la musica immancabile, dell’organetto di Candido. In questo pomeriggio di festa, tante sono state le testimonianze, gli aneddoti, i ricordi, di amici, figli e nipoti, talmente tante che sembrava loro fossero lì con noi, nella piazzetta antistante la Chiesa di S.Agata, e forse c’erano davvero.

La festa prevedeva due sorprese. La prima è stata rivelata alla fine del pomeriggio, dopo le testimonianze, quando due pronipoti, insieme al Sindaco di Casteldelci, Tonielli, hanno svelata la targa intitolata a questa fantastica coppia, sul muro della Canonica nella piazza antistante appunto, la Chiesa di S.Agata, che portava scritto così: “Piazza Maria e Candido Gabrielli, Maestri di Accoglienza-Costruttori di Pace”. Grande è stato lo stupore di figli, nipoti e pronipoti, e tanta la commozione, e il senso di gratitudine di tutta la comunità, che in quel pomeriggio si era ritrovata per un ricordo gioioso della coppia.

Foto di rito con Sindaco e figli, e poi via al grande buffet, accompagnato qua e là, dalla musica della fisarmonica di Andrea. Si era davvero una festa, una bellissima festa. Giunto il buio, luci spente e via, seconda sorpresa. Con un lavoro certosino, hanno montato un video con foto e testimonianze filmate di questa coppia, soprattutto dei loro ultimi anni, dove, mai c’è ne fosse bisogno, usciva fuori quel loro carattere aperto, i loro sorrisi a mascherare dolori indicibili, le loro testimonianze di un passato da dimenticare, dimenticare con la gioia di vivere. Sotto un cielo carico di stelle, la commozione era tangibile, e gli occhi leggermente umidi. Per questa coppia “iconica”, hanno davvero costruito un momento memorabile.

Serata indimenticabile, così come lo sono stati loro, quando sono stati in vita. Casa Fragheto di Sinemodo Onlus, il Comune di Casteldelci, i familiari e i parenti, hanno davvero creato un vero “omaggio”, per altro dovuto e sentito da tutti, visto anche che, alla scomparsa di Maria, due anni fa in piena pandemia, nessuno era riuscito a salutarla come avrebbe voluto. Davvero una bellissima serata che, a guardar bene, vedeva in prima fila le figure di Candido e di Maria, perché si, li sentivamo in mezzo a noi, ancora presenti, timidi e felici, con i loro sorrisi …… e con qualche nota della fisarmonica di Candido.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...